Svezzamento non ti temo: 8 consigli utili

foto

 

C’è un tempo per ogni cosa, non dimentichiamolo : svezzare il proprio bambino deve essere innanzitutto una esperienza positiva da affrontare con tranquillità ed allegria. Non è una competizione tra mamme! Bruciare le tappe è un errore, il bambino deve avvicinarsi ai nuovi sapori senza pressione e con curiosità ma soprattutto gradualmente! Consiglio di evitare i cibi molto lavorati o i cibi industriali non specificatamente prodotti per bambini più piccoli di un anno;  avendo avuto il privilegio di una lunga maternità ho potuto evitare anche quest’ultimi, cucinando da sola tutto ciò di cui avevano bisogno, dagli omogenizzati di verdure, carne, pesce allo yogurt, ai frullati di frutta, i biscotti ,pane, ecc …non dico ovviamente che non ci sia l’eccezione ma  consiglio di  arginare i rischi , ad esempio scegliendo materie prime fresche, di qualità e provenienza sicura. 

È importante inoltre che tutti i cibi cucinati per il bambino non siano salati, in modo che gli si dia il tempo di abituarsi ai differenti sapori.  Evitare bevande e cibi zuccherati aiuta a tener lontani più a lungo i problemi ai denti, infatti lo zucchero modifica la flora orale e prepara la bocca alle carie; inoltre abituarlo a sapori così dolci e forti devia il piccolo da una sana alimentazione: se si abitua a mangiare pastine al cioccolato difficilmente riuscirà dopo ad apprezzare la sana dolcezza della frutta ! I miei bambini sono un voraci mangiatori di frutta, per loro il dolce  è un kiwi, una mela,una banana ecc… tutto questo non vuol dire che in estate non possano mangiarsi un gelato o divorarsi un pezzetto di brioche la domenica mattina al bar, dico solo che non deve essere la normalità!

Se il bambino, inizialmente rifiuta il cibo  NON AGITARSI! E’ normale che faccia fatica a mangiare alimenti solidi, deve solo capire come si fa, imparare ad ingerirlo ed apprezzare i nuovi sapori: lasciatelo baloccarsi un pò con la pappa, non brontolatelo se mette le mani nel piattino  sta solo prendendo confidenza con un mondo nuovo.

foto 3 (7)

 

 

image

 PICCOLI CONSIGLI

1  Cucinate al piccolo pappe liquide e pian pianino rendetele più cremose per abituarlo gradualmente al cambiamento di consistenza

2 Individuate ciò che preferisce mangiare e proponeteglielo spesso, gli darà sicurezza.

3 Evitate poppate o biberon di latte intorno all’ora in cui dovrebbe pranzare , è bene che abbia fame quando gli presenterete la pappa!

4 Con il tempo cominciate a cambiare gli orari dei pasti cercando di avvicinarli ai vostri, sarà più semplice anche per voi pranzare o cenare

5 Anche il Babbo non deve essere escluso dalle gioie e dai dolori dello svezzamento! Al bambino fa bene staccarsi un pò dalla mamma in fatto di alimentazione!

6 Accompagnate la pappa con qualche sorso di acqua, comincerà a capire con il tempo la differenza tra sete e fame

7 Siate pazienti, non tutti i bambini accolgono i cambiamenti con entusiasmo, io ho impiegato tre mesi per rende il primogenito indipendente dal latte nei pasti principali! Non c’è fretta ognuno ha i suoi tempi!

8 Chiedete consiglio se avete dei dubbi prima di tutto al pediatra poi ad amiche e parenti ma soprattutto ascoltate il vostro istinto! Siete voi i genitori e solo voi conoscete vostro figlio!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *